ARTICOLI

Come lo yoga fa bene anche al sesso

E si, lo yoga fa bene anche al sesso e soprattutto per le donne che, per lo più, fanno fatica a raggiungere il piacere o, comunque, devono lavorarci un po’ di più. E non è solo questione di preparazione fisica, ma anche e soprattutto di consapevolezza del proprio corpo, del saperlo percepire ed utilizzare correttamente.

Studi e ricerche lo confermano da un pezzo, e ad avvalorare questi tesi ci sono diverse testimonianze raccolte.

Lo yoga fa bene al sesso. Non per nulla esiste un ramo di questa disciplina che è il Tantra yoga dove per sesso, tuttavia, si intende una unione spirituale tra due persone che si esprime attraverso l’atto sessuale. Vien da sé che è condizione necessaria una certa alchimia tra due persone perché sennò è mero atto fisico.

La sessualità è fondamentale nella vita delle persone perché oltre al piacere fisico e spirituale che ne deriva, mette in circolo la capacità creativa di ognuno. Non si scappa, sesso e creatività vanno a braccetto e sono entrambi competenza del secondo chakra e non è un caso. Fare sesso, d’altronde, è la condizione per procreare una nuova vita, ma in generale una sessualità attiva è sinonimo di una creatività attiva anche nell’ambito di idee e progetti.

L’atto sessuale è quindi l’atto in cui l’energia creativa della donna si esplica in tutta la sua forza. Nel libro Luna Rossa di Miranda Gray se ne parla tantissimo e c’è un passaggio davvero significativo: “L’energia della tua sessualità risveglia il seme dell’ispirazione. L’atto sessuale stesso può creare sia bambini che idee creative e può essere il fuoco che spinge gli artisti, i poeti, i musicisti, a creare. L’arte del sesso è sacra, porta il divino nel mondo”.

Quindi dimentica tutto ciò che il cristianesimo ci ha costrette a credere facendo del sesso una delle più grandi forme di tabù e della donna libera, una p….. Tutte cazzate. Tra l’altro, apro parentesi, oggi è il giorno di Maria Maddalena, figura femminile fondamentale nella storia del cristianesimo e confusa per un lungo periodo con una prostituta. Qualche anno fa Maria Maddalena è stata riconosciuta prima apostola di Gesù, quella che lo ha sempre sostenuto e ha capito per prima il suo messaggio del “Nuovo mondo”.

Per non parlare di Eva e Lilith. Ci hanno fatto passare Eva come prima donna, nata dalla costola dell’uomo per vivere in un paradiso terrestre fatto di assoluta inconsapevolezza e poi che viene fuori? Che la prima donna fu Lilith creata da Dio insieme ad Adamo da cui è fuggita perché non voleva sottomettersi ai suoi impulsi sessuali, ma pretendeva essere sua pari. Non potendo sopportare un Adamo solo, Dio ci ha rimesso le mani e ha creato Eva che, tuttavia, è stata risvegliata dal serpente (Lilith stessa?) che le ha proposto la mela dall’albero della vita. Bellissima questa interpretazione.

Il sesso non è tabù, è unione con il divino, creatività, ispirazione, meditazione, preghiera. Capite bene che dipende come e con chi lo fai. Alla base di questa esperienza sessuale che si fa spirituale c’è il sentimento, amore (per sé in prima istanza), la fiducia, e tutta un’altra serie di caratteristiche base. Non è spirituale il sesso che fai per farti male, perché c’è pure questo da prendere in considerazione. Quello, cioè, fatto per bisogno di sentire un contatto e in cui non ti importa del partner. Discernimento. Ho approfondito questa sfumatura in Brahmacharya, il valore del sesso.

Nella sua forma più spirituale, quindi, il sesso è creazione per la donna, potenziamento per l’uomo. Le donne creano il ponte verso lo “zen”.

Attraverso la pratica dello yoga, come sappiamo, si prende consapevolezza del proprio corpo e i benefici, ovviamente, si ritrovano anche durante l’atto sessuale. Cambia la consapevolezza dei momenti, la sensibilità, la capacità di utilizzare il corpo, di spegnere la mente e dedicarsi completamente a quello che si sta vivendo (come in meditazione appunto), c’è uno scambio di amore, c’è dedizione.

Leggevo, in giro per il web, di una ricerca fatta a donne tra i 22 e i 55 anni con una vita sessuale attiva. Dopo un periodo di 12 settimane in cui hanno seguito un corso yoga, il 75% di loro ha riscontrato benefici nell’attività sessuale.

Attraverso le asana aumenta, quindi, la capacità di ascoltarsi, amarsi e anche la resistenza fisica. Sono tante e diverse le asana consigliate per un “buon sesso”, ma io sinceramente non mi sento di ingabbiare le asana e sono assolutamente certa che il miglioramento deriva da una pratica totale e costante di tutte le tecniche yoga, incluse appunto pranayama (respirazione controllata) e meditazione. Il discorso è veramente troppo ampio per ridurlo. Se sposi lo yoga in tutti i suoi molteplici aspetti ne troverai beneficio su tutti i fronti.

Cosa accade a livello fisico?

Lo yoga risveglia i sensi e aumenta sensibilmente la loro capacità di percepire, quindi le sensazioni sono amplificate. Rende il corpo più elastico e forte. Aumenta la capacità di stare per il piacere di dare; aumenta il flusso sanguigno e rafforza la zona del pavimento pelvico; aiuta a rilasciare le tensioni e porta in equilibrio la nostra energia interiore.

Il risultato è un piacere prolungato e intenso per la donna e una eiaculazione più lenta e controllata per gli uomini.

E dopo vai con progetti, idee e creatività. Ultimo, ma non meno importante, lo yoga contribuisce in maniera fattiva alla fertilità della coppia se il progetto riguarda una nuova vita.

Namaste

Simona

(foto da pexels)

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *