Percorso integrato tra yoga, meditazione, scrittura e radiestesia per il riequilibrio energetico e la consapevolezza di Sé

I centri energetici sono importanti motori situati all’interno del nostro corpo, punti di incontro e ricezione delle informazioni universali.

Se i chakra sono in equilibrio, la nostra condizione psico-fisica è ottimale; se invece si crea squilibrio, il nostro corpo grossolano ne risente attraverso tanti e diversi disturbi più o meno importanti, fino a vere e proprie patologie.

Partire dal corpo è il mezzo che abbiamo per prenderci cura di noi stesse, almeno allo stadio di consapevolezza in cui ci troviamo attualmente. Riuscire ad ascoltare la materia di cui siamo fatte ci permette di lavorare, man mano che saremo pronte, su altri livelli di coscienza e consapevolezza. Ma non c’è fretta, ogni cosa arriva nel momento esatto in cui siamo pronte ad accoglierlo.

Imparando ad interpretare i messaggi del corpo riusciamo a capire cosa ci accade a livello emotivo. Chiaramente dobbiamo essere disposte all’ascolto senza giudizio alcuno. Belle anime, ascoltatevi sempre e cercate il modo di restare centrate e energeticamente pulite.

Per raggiungere e mantenere centratura ed equilibrio energetico ho ideato il percorso multidisciplinare Ritorno all’Anima, un vero e proprio viaggio di ascolto di Sé.

Ritorno all’anima nasce come percorso di gruppo, praticato dai miei allievi e affinato nel tempo. Oggi è diventato un percorso individuale di otto settimane in cui sarai seguita passo passo nel raggiungere la consapevolezza del tuo corpo e delle tue emozioni grazie allo yoga, alla meditazione e alla scrittura. Nel farlo lavoreremo sul piano energetico avvalendoci anche dell’antichissima arte della radiestesia. Attraverso l’uso del pendolo andremo ad individuare i chakra in squilibrio per ricondurre il tutto ad uno stato di equilibrio che possa essere il più duraturo possibile.

Ho integrato tra loro diverse tecniche e discipline olistiche per rafforzare il percorso.

Lo yoga

Non è solo asana, ma una disciplina di crescita interiore che parte dal corpo e che se condotta con impegno produce effetti importanti su tutti gli ambiti della propria vita.

Le asana offrono una chiave d’ascolto del proprio corpo da tradurre poi in stati emotivi, che se trascurati possono condurre a reali e concrete patologie. Numerosi studi scientifici approfondiscono la questione malattie psicosomatiche e probabilmente hai sperimentato la loro esistenza direttamente. Ascoltare il proprio corpo diventa il modo più diretto e autentico di accedere al proprio inconscio, ma per interpretarlo bisogna possedere le chiavi giuste.

Le asana ci aiuteranno a percepire i sintomi fisici e mentali e a ripulire energeticamente il corpo, a farlo lavorare con delicatezza attraverso il respiro e ad alleviare, tra le altre cose, anche i più comuni fastidi fisici (mal di schiena, mal di testa, dolori cervicali, alla sciatica, alleviare stress e ansie).

La meditazione guidata

A fine pratica ci consentirà di lavorare sull’inconscio e ripulirlo dalle condizioni limitanti, scoprire i solchi e le ferite che ti porti dietro curandole con nuove e più autentiche convinzioni.

La scrittura

Ti permetterà di documentare la tua evoluzione e di avere un quadro chiaro su cui andare a lavorare nel tempo. Tra i fogli bianchi il mondo interiore, sconosciuto, troverà lentamente forma e da lì potrai abbracciarlo e andare oltre con una nuova e libera consapevolezza. Per aiutarti a farlo ti guiderò grazie ad una serie di domande e lavori da svolgere che riceverai in occasione di ogni incontro yoga.

La radiestesia

E’ la disciplina che permette di conoscere le energie in noi e intorno a noi.  Attraverso l’uso del pendolo indagheremo con precisione e nel profondo il sistema dei chakra per riequilibrarlo e individuare il rimedio più efficace per mantenerne il tuo “sommo bene”.

Il percorso fa per te se:

  • Vivi in uno stato di confusione e senti la vita scorrere senza avere alcun potere.
  • Ti senti sotto stress, in gabbia.
  • Hai difficoltà a distinguere le tue emozioni e reagisci in modo automatico, e poi ti penti.
  • Hai bisogno di scoprire il tuo corpo.
  • Hai voglia di conoscerti in tutti i tuoi aspetti, lati oscuri compresi.
  • Sei affascinata dallo yoga e dalle discipline olistiche.
  • Credi che il benessere sia tra mente, corpo e anima.
  • Hai bisogno di maggior equilibrio e lucidità nella vita.
  • Vuoi percepire la tua anima, il tuo nucleo interiore.
  • Vuoi riequilibrare il tuo sistema energetico e prevenire disturbi fisici.

Sono necessari:

impegno, serietà, apertura mentale, capacità di mettersi in discussione, fiducia in se stessi, negli eventi e in me che sarò la tua guida.

Come è strutturato il percorso?

  • 8 appuntamenti individuali online su Zoom, una volta a settimana (giorno e orario lo decideremo insieme).
  • Circa 60 minuti ciascuno.
  • Nei primi sette incontri andremo a valutare, di volta in volta, i singoli chakra su cui lavorare controllando lo stato di salute attraverso il pendolo per poi intervenire utilizzando yoga e meditazione guidata.
  • Ad ogni incontro corrisponde un workbook con domande che contribuiranno a fare chiarezza in te stessa a cui rispondere durante l’arco della settimana fino all’incontro successivo (è importante impegnarsi in ogni aspetto del percorso, journaling compreso).
  • Nell’ottavo incontro andremo a controllare e stabilizzare tutto il sistema dei chakra attraverso la radiestesia e valutando eventuali rimedi consigliati.

Costo

Visto il suo aspetto multidisciplinare, studiato per accompagnarti verso la tua crescita personale e una maggiore consapevolezza nella vita con l’ausilio di diverse tecniche, il percorso vale 320 euro.

E’ possibile pagare anche in 2 rate (da 160 euro) da versare ad inizio e metà percorso.

E’ inclusa la quota tesseramento annuale alla Asd Nirodha.

Per approfondire

Il sistema energetico del nostro corpo è denso e fitto, può essere paragonato al sistema nervoso per la sua rete di collegamenti. Quello principale è situato lungo la colonna vertebrale, ma dalla parte interna.

Immaginiamo Shushumna, dove appunto si situano i sette chakra, centrale nel corpo a partire dal perineo e fino alla testa, lì dove c’era la nostra “fontanella”.

Nello specifico i chakra sono situati nei punti di incontro delle nadi, ida e pingala, dove scorre l’energia sottile, il prana.

Ad ogni chakra corrisponde uno stato emotivo, un ambito della vita quotidiana, di crescita personale, e specifiche zone del corpo di competenza.

I chakra sono ruote che ricevono e immettono informazione nell’Universo perché, forse tendiamo a dimenticarlo, anche noi umani, come tutti gli esseri viventi, facciamo parte di un sistema più grande e con il quale siamo in stretta simbiosi, anche se lo abbiamo dimenticato.

Muladhara è il primo chakra situato alla base di Sushumna, all’altezza del perineo ed è legato alle radici (la famiglia), al nostro istinto di sopravvivenza e quindi all’esigenze di sentirci nutrite dalla vita e da Madre Terra.

Svadhistana è il secondo chakra, collocato all’altezza degli organi sessuali collegato, quindi,  all’istinto sessuale, alla capacità di procreazione intesa come l’attività di creare e la creatività in generale. Dall’esigenza di soddisfare i bisogni primari del primo chakra, legati all’io, con il secondo chakra si passa all’esigenza di soddisfare i bisogni secondari che comprendono anche il rapporto con gli altri e il provare piacere.

Al di sotto del diaframma, all’altezza dell’ombelico, troviamo Manipura, il terzo chakra, che ci parla della considerazione che abbiamo di noi stesse e di quella che “subiamo” dagli altri. Rappresenta un po’ la nostra funzione nella vita sociale.

Tutti amiamo, tutti vogliamo essere amati. Peccato che, a volte, non sempre siamo in grado di manifestare questo sentimento come vorremmo o di lasciarci amare nella più completa fiducia verso l’altro. Questo sentimento è “affare” di Anahata chakra che, come sicuramente intuirete, è situato al centro del petto, sopra al diaframma, nel cosiddetto plesso cardiaco.

Vishudda è il quinto chakra, situato alla base della gola e come ben si può intuire questo centro energetico riguarda, almeno a livello emotivo, tutto quello che di noi stesse riusciamo a trasmettere al mondo esterno, la nostra verità. Questa verità è formata da tante cose, è il frutto di ciò che sentiamo, delle nostre idee, delle nostre credenze, della realtà in cui siamo cresciute e che ci ha plasmate.

Con il sesto chakra, Ajna, situato tra le sopracciglia un centrimetro più in alto, ci addentriamo meglio nell’ambito dei centri energetici più alti, nell’area dello spirito, il nostro spirito, e quando abbiamo il sesto chakra in equilibrio ci rendiamo conto di come i nostri pensieri, le nostre azioni, abbiano un peso fondamentale nella creazione della nostra realtà “felice” o infelice.

Sahasrara, situato sulla sommità del capo (la ben nota fontanella), ha il compito di controllare e coordinare gli altri sei chakra sottostanti armonizzando tutte le vibrazioni e permettendo al corpo di beneficiarne. Creare un blocco a questo chakra significa chiudersi a tutte le informazioni e la realtà ne risulterebbe distorta.

I chakra sono una lettura del nostro corpo a livello fisico ed emotivo. Oltre alla corrispondenza tra chakra e zone del corpo, ci sono anche quelle tra chakra e emozioni. E le cose, come puoi intuire, sono strettamente correlate perché ad ogni emozione che trattieni equivale un dolore fisico che si accende.

Il potere di agire per il nostro “sommo bene” è nelle nostre mani.

Resto a tua disposizione per qualsiasi altra informazioni di cui necessiti. Trovi i miei contatti cliccando sul pulsante sottostante.

Se vuoi restare aggiornata sulle novità Yoga’n’Soul ti invito ad iscriverti alla newsletter lasciando nome e indirizzo mail nella casella a fondo pagina. Se dovessero esserci problemi avvertimi.

Se vuoi conoscermi meglio e sapere qualcosa sulla mia vita ti invito alla pagina Chi sono.